L’architettura del paesaggio progettazione del verde, degli spazi aperti, dalla terrazza al giardino, delle aree interstiziali, vissuti sia come estensione dell’abitazione che per uso pubblico ha suscitato in me sempre grande interesse.

Roma

In Italia non c’è attualmente la stessa attenzione di altri Paesi europei per la progettazione del verde e non solo in ambito di verde privato ma anche del verde pubblico. Nel nostro Paese, l’architettura del paesaggio ha degli esempi eccellenti. Alcuni giardini storici sono ancor oggi meta di studio, sia per questioni stilistiche che per le soluzioni tecniche che hanno reso possibili, anche quando non si poteva produrre energia come oggi, la realizzazione di maestosi effetti. Oggi è normale pensare che un nucleo familiare viva in un appartamento, ma non è altrettanto normale immaginare che una parte di quell’abitare si svolga in uno spazio aperto e verde, magari condiviso, pubblico. È innegabile il valore aggiunto che il verde condiviso produce per l´immobile stesso.

Paese nel verde

Una progettazione del verde adeguata e consapevole, inoltre, influisce positivamente a diversi livelli: psichico, ambientale ed estetico a livello psichico perchè, quando siamo in uno spazio verde, proviamo una sensazione di relax, dovuta sia alla stimolazione olfattiva che ottica. Lo spazio verde è uno spazio dove muoversi e giocare, quindi di benessere fisico.

Giardino

A livello ambientale il verde cittadino può aiutare moltissimo, in anni dove le precipitazioni temporalesche stanno diventando preoccupanti. Le zone a verde sono superfici permeabili.

Dal punto di vista climatico le essenze arboree in città abbassano notevolmente le temperature di strade asfaltate e anche degli appartamenti su cui gettano la loro ombra. I tetti giardino ugualmente possono abbassare notevolmente il passaggio di calore nelle abitazioni agli ultimi piani.